Condominio: tutela delle destinazioni d’uso delle parti comuni.

Home »

Pubblicato il

In merito all’argomento l’articolo 1117-quater del codice civile dice che: “In caso di attività che incidono negativamente e in modo sostanziale sulle destinazioni d’uso delle parti comuni, l’amministratore o i condomini, anche singolarmente, possono diffidare l’esecutore e possono chiedere la convocazione dell’assemblea per far cessare la violazione, anche mediante azioni giudiziarie. L’assemblea delibera in merito alla cessazione di tali attività con la maggioranza prevista dal secondo comma dell’articolo 1136”.

Scegli NowGestioni.it per amministrare il tuo condominio. Richiedi un preventivo, senza impegno, per l’amministrazione del tuo condominio.(Clicca qui)

Quindi, l’articolo in esame contiene, una specifica procedura per la tutela contro un’eventuale attività contraria alle destinazioni d’uso delle parti comuni da parte del singolo condomino. Tale tutela, come dice l’articolo, può essere attivata sia dall’amministratore e sia dai singoli condomini e prevede le seguenti fasi:

  • l’atto di diffida;
  • in caso di inadempimento, si procederà alla convocazione dell’assemblea con all’ordine del giorno la richiesta di tutela della destinazione d’uso;
  • infine, se la cosa non è stata risolta si procederà mediante azione giudiziaria (giudice di pace, ex art. 7, co. 4, c.p.c.)

Il giudice nel caso accerti la violazione può ordinare la cessazione dell’attività illecita e la rimessione in pristino delle cose.

Dott. Luigi Colaianni

Hai un problema di natura condominiale?

Allora compila il modulo sottostante, lo staff di NowGestioni esaminerà il tuo caso e ti risponderà, gratuitamente, tramite e-mail:

    Nome *

    Città *

    Email *

    Invia la tua domanda *

    Dichiaro d'aver preso visione della privacy policy di questo sito e di acconsentire al trattamento dei miei dati, ai sensi degli artt. 13 e 14 del Regolamento UE n. 2016/679 GDPR.